gooocom marketing areoporti vacanze pubblicià acquisti shopping strategie comunicazione marketing genova

Duty Free… Wanna be!

Il Marketing negli aeroporti

Duty Free… Wanna be!

Il Marketing negli aeroporti

É tempo di back to school e di rientro in postazione e lasciare spiagge montagne e aeroporti per tornare a parlare delle nostre cose: marketing e comunicazione, la nostra croce e delizia.

Inutile dire che anche il mondo della comunicazione torna all’attacco dopo il periodo di semi pausa estiva. Tutte le novità che bollono in pentola necessitano ancora di prendere forma e concretizzarsi. E poi si inizia a pensare al Natale (non è mai troppo presto per pensare al Natale e noi abbiamo pure una scusa in più per farlo… mondo dei non comunicatori, invidiosi eh? 😏)

Ma da queste parti siamo un po’ dei vecchi nostalgici, specialmente se si parla di estate e di vacanze.

Così eccoci qui con un ruspantissimo articolo che per certi versi ci porta ai viaggi delle scorse settimane, quando in preda a valigie, voli e green pass, partivamo carichi di audacia e protezione 50+.

OGGI PARLIAMO DEL POTERE DEGLI AEROPORTI:

Le oasi del duty free, nonché vere e proprie bat-caverne del marketing e dell’advertising.

Ti è mai capitato di ritrovarti in fila per il controllo del bagaglio e sentire l’urgenza di finire la bottiglietta per non buttarla? E appena passato lo scanner, al primo shop che ti capita sotto tiro, non sei subito lì a comprarne una nuova? (Sa un po’ di presa per il %&$#)

E ancora, chi non ha mai avvertito l’impellente necessità di un Toblerone gigante? Eppure, fuori dal contesto dell’aeroporto, ti salirebbe il diabete solo a pensarci!

Ebbene, ti stupiresti se ti dicessi che in realtà è tutto normale?

Gli aeroporti sono strutture estremamente complesse e costose da mantenere. Idealmente si prefigurano come semplici luoghi di passaggio, in sé per sé del tutto privi di interesse. Da qui la necessità di ottimizzare spazi, risorse e creare percorsi ad hoc che invoglino i viaggiatori a spendere e sostare il più a lungo possibile.

In questo senso gli aeroporti sono dei veri e propri bacini sperimentali per la pubblicità: laboratori della domanda e dell’offerta.

COME FANNO GLI AEROPORTI A CATTURARE LA NOSTRA ATTENZIONE E A FARCI SPENDERE?

Vediamo insieme le loro tecniche più astute!

Un percorso ad hoc: dal primo momento in cui metti piede in aeroporto nulla viene lasciato al caso, così che tu non ti senta mai smarrito. Il design stesso della struttura è pensato in modo tale da permetterti di orientarti senza perdite di tempo e senza stress ulteriore. Già a partire dalla segnaletica, infatti, vieni agevolato grazie alla scelta di font appositi e leggibili da qualsiasi distanza. Inoltre, dal momento che l’ambiente potrebbe risultare ostico e sconosciuto, si lascia sempre la possibilità ai viaggiatori di affacciarsi sulla vista esterna, già a partire dalla “catchment area”, ovvero la zona d’imbarco intesa come punto di attrazione.

Stores baciati dal sole: inutile dire che anche la collocazione dei negozi non sia affatto casuale. Se da un lato la luce naturale è rassicurante per chi si trova in aeroporto, è anche vero che essa è d’incentivo ad entrare nei negozi più esposti. Anche l’illuminazione interna degli stores è atta a esaltare il collocamento strategico dei prodotti sugli scaffali: sempre a portata di mano e in bella mostra proprio come le grandi offerte

“Chillin’ time”: Arrivi di corsa e con l’ansia di non riuscire a fare tutto, ma puntualmente finisci per aspettare l’imbarco scrollando Instagram comodamente deposto nell’area relax. Ormai è da tempo che gli aeroporti, da semplici punti di passaggio, si sono evoluti in vere e proprie aree attrezzate per rendere la tua esperienza quanto più piacevole. Poltrone massaggianti, moquette che ti ricordano casa, aree gioco e aree fumatori interne per quelli più accaniti. Queste sono solo alcune delle soluzioni a disposizione di chi viaggia e che, liberato dallo stress, è maggiormente invogliato a recarsi negli stores dell’aeroporto prima di imbarcarsi.

MORALE DELLA FAVOLA

Non farti troppi sensi di colpa se al ritorno dalla tua vacanza ti sei ritrovato con un profumo o uno sdoppiatore per le cuffie di troppo.

Potremmo dire “capita un po’ a tutti” …almeno ora sai quanto questo sia tutto fuorché casuale.

Ebbene sì, la comunicazione fa anche questo!

Belinarium

Storie d’amore finite male, freddure, trash, pettegolezzi

Insomma, ogni sfogo è benaccetto ed in forma rigorosamente anonima nel nostro BELINARIUM.

Ci facciamo due risate e, chissà, magari gli aneddoti migliori finiranno sul calendario Gooocom 2023…

Belinarium

Storie d’amore finite male, freddure, trash, pettegolezzi

Insomma, ogni sfogo è benaccetto ed in forma rigorosamente anonima nel nostro BELINARIUM.

Ci facciamo due risate e, chissà, magari gli aneddoti migliori finiranno sul calendario Gooocom 2023…

categoria